#YEMEN – L’APPELLO DEI LEADER DELLE NAZIONI UNITE PER REVOCARE IL BLOCCO UMANITARIO

NEW YORK, GINEVRA, 16 novembre 2017 – Il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), Dr. Tedros Adhanom, il Direttore Esecutivo dell’UNICEF, Dr. Anthony Lake, e il Direttore Esecutivo dell World Food Programme (WFP), David Beasley, lanciano un appello urgente affinché la coalizione consenta l’ingresso di rifornimenti salvavita in Yemen, in risposta a quella che è la peggiore crisi umanitaria nel mondo. Le forniture, che includono medicine, vaccini e cibo, sono essenziali per la sopravvivenza.

Lo Yemen, Stato tra i più poveri del mondo, è esanime da anni di conflitto, e ad oggi, assiste alla quasi completa distruzione del sistema sanitario, della rete sociale, di strade, porti marittimi e aerei. Tutto ciò sta ostacolando gravemente l’aiuto umanitario.

Attualmente più di 20 milioni di persone, di cui 11 milioni sono bambini, hanno bisogno di assistenza urgente. Almeno 14,8 milioni non hanno accesso alle cure primarie e ricordiamo che lo Yemen sta vivendo una delle più grandi epidemie di colera, con 900.000 casi registrati ad oggi.

Circa 7 milioni di persone dipendono totalmente dall’assistenza alimentare. La malnutrizione sta minacciando la vita di quasi 400.000 bambini. Con l’esaurimento delle scorte, i prezzi del cibo aumentano drasticamente, mettendo a rischio migliaia di persone.

Il WFP stima che 150.000 bambini malnutriti potrebbero morire entro i prossimi mesi.

Il carburante, le medicine e le scorte alimentari – tutti beni attualmente bloccati all’ingresso del paese – sono necessari per offrire assistenza.

Senza il carburante, la catena del freddo per i vaccini, i sistemi di approvvigionamento idrico e gli impianti di trattamento delle acque reflue, stanno cessando di funzionare. Senza cibo e acqua sicura, la minaccia della carestia sta crescendo di giorno in giorno.

Diffondiamo l’appello per consentire l’accesso umanitario in Yemen senza ulteriori ritardi.

B.F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *