#CANNABIDIOLO: PER L’OMS É FARMACO EFFICACE MA PER IL GOVERNO USA É DROGA ILLEGALE

21 dicembre 2017 – Negli USA si ritorna a parlare dell’annoso dibattito sulla legalizzazione delle sostanze stupefacenti a fini terapeutici dopo che la DEA, Drug Enforcemente Administration, agenzia federale antidroga statunitense, ha inserito nella lista delle droghe vietate anche il cannabidiolo, CBD, uno dei principi attivi della cannabis.
Come dimostrano numerosi studi e come sostiene l’OMS, il CBD non causa alcun effetto psicotropo, trova impiego in numerosi composti medici ed è riconosciuto per il suo potere terapeutico: è efficace nel trattamento di alcune tipologie di epilessia, poiché depotenzia gli effetti degli attacchi epilettici ed elimina completamente le convulsioni, riduce l’infiammazione dei muscoli a seguito di infortuni, e potrebbe trovare presto uso nel trattamento di patologie come l’Alzheimer, il morbo di Parkinson, l’artrite reumatoide e alcune malattie infiammatorie intestinali. Inoltre alcune recenti ricerche suggeriscono che il CBD può essere utile anche nella lotta alla dipendenza da oppioidi.
La decisione presa dalla DEA è in linea con quanto riportato nella relazione intitolata “Establishment of a New Drug Code for Marihuana Extract”. In questo documento, pur riconoscendo per la prima volta una differenza tra i principi attivi della cannabis, distinguendo il cannabidiolo dal THC (quest’ultimo con effetti psicotropi), si dichiara tuttavia che il CBD debba continuare a rimanere all’interno della Schedule I, la lista delle droghe vietate.
Quanto stabilito dalla DEA sembra porsi in netta opposizione con quanto stabilito appena due mesi fa dal ministero della Salute inglese, che ha riconosciuto il valore terapeutico del CBD includendolo nell’elenco dei farmaci.
A seguito di tale decisione non sono mancate le reazioni di dissenso: «Ancora una volta, il governo federale ha dimostrato di non essere in linea con la scienza moderna – ha affermato Nate Bradley, direttore esecutivo della California Cannabis Industry Association.

LG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: