#NOTATARGET: ATTACCO A SAVE THE CHILDREN IN AFGHANISTAN

24 gennaio 2018 – alle ore 9.10 locali, un violento attacco armato ha colpito la sede di Save The Children nella città di Jalalabad, nella parte orientale dell’Afghanistan.

Gli aggressori hanno preso possesso dell’edificio. Il bilancio è di almeno 11 persone ferite.

Jalalabad è una città sita vicino al confine con il Pakistan spesso bersaglio di militanti talebani, ma è anche una roccaforte per il gruppo dello Stato Islamico.

Save The Children al momento ha dichiarato: “La nostra preoccupazione principale è rivolta al nostro personale. Siamo in attesa di ulteriori informazioni dal nostro team e non possiamo commentare ulteriormente in questo momento.”

Save The Children lavora in Afghanistan dal 1976. L’organizzazione mira a fornire un migliore accesso all’istruzione, all’assistenza sanitaria e alle forniture essenziali per i bambini di tutto il mondo.

Ancora una volta, le associazioni umanitarie diventano bersaglio di violenza.

Dall’articolo della BBC, riportiamo i seguenti attacchi armati rivolti alle associazioni umanitarie in Afghanistan.

Maggio 2017: Attacco armato all’ONG svedese Operazione Mercy, uccidendo una donna tedesca e una guardia afgana.

Ottobre 2015: Bombardamento statunitense di un ospedale di Medici Senza Frontiere a Kunduz, uccidendo 22 persone.

Luglio 2014: Attacco armato ad un’associazione di beneficenza cristiana Missione di Assistenza Internazionale (IAM), uccidendo due donne finlandesi.

Ottobre 2010: la soccorritrice britannica Linda Norgrove viene uccisa.

Agosto 2010: 10 membri di un team di oculisti che lavorano per IAM vengono uccisi nella provincia di Nuristan.

 

B.F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: