#FUMO – HARVARD E ALTRE SCUOLE DI SANITA’ PUBBLICA RIFIUTANO FONDI CHE “PUZZANO” DI FUMO

La scuola di Sanità Pubblica dell’Università di Harvard si è unita ad altre 16 università nel rifiutare fondi dalla Fondazione for a Smoke-Free World, un’organizzazione molto vicina all’industria del tabacco.

La Fondazione, nata lo scorso settembre, dovrebbe ricevere nei prossimi dodici anni quasi 1 miliardo di dollari di finanziamenti dalla Philip Morris International.

In una dichiarazione congiunta rilasciata la scorsa settimana, i presidi di 17 scuole di sanità pubblica statunitensi – tra cui Johns Hopkins, Tulane e Harvard – hanno dichiarato che non accetteranno fondi dalla For a Smoke Free Wolrd Foundation, a causa della sua “stretta associazione con un’industria e una società i cui prodotti hanno ucciso milioni di persone in tutto il mondo.”

Derek Yach, presidente della Fondazione, ha confutato la dichiarazione dei decani, scrivendo che Philip Morris “non ha assolutamente alcun coinvolgimento, influenza o controllo sulla Fondazione”.

Oltre a difendere l’autonomia della fondazione, Yach ha scritto: “Lo statuto, il certificato di costituzione e l’accordo di finanziamento della Fondazione sono rigidi e definiscono la Fondazione come un’organizzazione completamente indipendente”.

Ha anche scritto che la Philip Morris è “legalmente obbligata” a continuare a finanziare la fondazione nel corso del prossimo decennio, indipendentemente dalle sue attività di ricerca.

Karen Emmons, Direttore degli affari accademici presso la Scuola di Sanità Pubblica di Harvard, ha affermato che la scelta di evitare l’affiliazione alla fondazione fa parte della politica dell’università, in vigore dal 2002, di non accettare fondi dall’industria del tabacco.

“È completamente antitetico per la salute pubblica sostenere l’industria del tabacco”, ha detto Emmons.

Yach sostiene, tuttavia, che gli obiettivi della Fondazione sono in linea con quelli delle scuole di sanità pubblica.

“È deludente, e una perdita per i fumatori, che i presidi di alcune istituzioni abbiano scelto di non lavorare con la Fondazione nei suoi sforzi per un mondo senza fumo”, ha scritto.

Le scuole di salute pubblica non sono le uniche a prendere le distanze dall’organizzazione. Sia l’Organizzazione Mondiale della Sanità che la Società Americana sul Cancro hanno rifiutato di lavorare con la fondazione, considerando che la Philip Morris “sta facendo causa ai governi di tutto il mondo e cerca di combattere ogni significativo sforzo di controllo sul tabacco”.

La Fondazione For a Smoke-Free World non ha ancora stanziato fondi alle istituzioni di ricerca. Dopo un periodo di commenti pubblici, prevede di annunciare le decisioni di finanziamento a fine febbraio.

B.A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *