#NUTRIZIONE – MA COSA DIAMO DA MANGIARE AI NOSTRI BAMBINI?

18 Luglio 2019 – Due nuovi studi dell’Ufficio Regionale Europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) mostrano che un’alta percentuale di alimenti per l’infanzia sono erroneamente commercializzati come adatti ai bambini di età inferiore a 6 mesi e che, per di più, contengono alti livelli di zucchero.

Come è ben noto, l’OMS raccomanda l’allattamento esclusivo per i primi 6 mesi e con la guida “Ending the Inappropriate Promotion of Foods for Infants and Young Children”, pubblicata nel 2016, dichiara esplicitamente che gli alimenti complementari per i bambini di età inferiore a 6 mesi non dovrebbero essere pubblicizzati.

“Una buona alimentazione nell’infanzia e nella prima infanzia rimane fondamentale per assicurare una crescita e uno sviluppo ottimale del bambino e il raggiungimento di un migliore stato di salute in futuro – compresa la prevenzione di sovrappeso, obesità e malattie non trasmissibili legate all’alimentazione – consentendo la realizzazione dell’obiettivo di sviluppo sostenibile (OSS) numero 3: garantire una vita sana e promuovere il benessere per tutti IN tutte le età “, afferma la Dr. Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell’OMS per l’Europa.

L ‘OMS Europa ha ideato una metodologia per identificare gli alimenti commerciali per neonati, disponibili in contesti di vendita al dettaglio, e per la raccolta di dati sui contenuti nutrizionali e altre informazioni come l’imballaggio, l’etichettatura e la promozione.

Questa metodologia è stata utilizzata per raccogliere dati su 7955 prodotti alimentari o bevande commercializzati per neonati e bambini da 516 negozi in 4 città nella regione europea dell’OMS (Austria, Bulgaria, Ungheria e Israele) tra novembre 2017 e gennaio 2018.

In tutte e 4 le città, una parte sostanziale dei prodotti, tra il 28% e il 60%, è stata commercializzata come adatta per i bambini di età inferiore ai 6 mesi.

Sebbene ciò sia permesso dalla legge dell’Unione europea, non rispetta il Codice internazionale di commercializzazione dell’OMS sui sostituti del latte materno o la Guida dell’OMS, che affermano esplicitamente la non commercializzazione di alimenti complementari commerciali come adatti per i bambini di età inferiore ai 6 mesi.

“Gli alimenti per lattanti e bambini sono tenuti a rispettare diverse raccomandazioni nutrizionali e di composizione stabilite. Nondimeno, vi sono preoccupazioni sul fatto che molti prodotti possano essere ancora troppo ricchi di zuccheri “, afferma il dott. João Breda, capo dell’Ufficio Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili dell’OMS.

In 3 delle città analizzate infatti, nella metà o più dei prodotti, il 30% delle calorie totali veniva fornito dagli zuccheri e circa in un terzo dei prodotti conteneva zucchero, succo di frutta concentrato o altri agenti dolcificanti. Questi aromi e zuccheri aggiunti potrebbero influenzare lo sviluppo delle preferenze di gusto dei bambini aumentando il loro gradimento per cibi più dolci.

Un trend che, se non arrestato, potrebbe portare a gravi conseguenze sulla salute delle prossime generazioni.

B.A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *