#MALNUTRIZIONE – LA DIETA SPAZZATURA DEI BAMBINI NEPALESI

Secondo un recente studio, in Nepal i bambini sotto ai due anni di età ricevono un quarto delle loro calorie totali dal così detto “cibo spazzatura”.

Biscotti, patatine, pasta istantanea e bevande zuccherate sembrano essere tra le portate principali, sostituendo gli alimenti ricchi di vitamine, minerali e altri nutrienti di cui i bambini necessitano per un’adeguata crescita.

La ricerca, pubblicato sul Journal of Nutrition, dimostra come la “dieta spazzatura” non causa solo l’obesità, come si è soliti a pensare, ma anche un crescente aumento del tasso di scarsa crescita nei bambini.
Lo studio è stato condotto a Kathmandu, tra le famiglie di 745 bambini di età compresa tra 12 e 23 mesi, rivelando che in tutti i nuclei famigliari si assumeva cibo spazzatura. Tra i bambini che hanno assunto metà dell’introito calorico totale da snack ad alto contenuto di zuccheri, grassi e sale, i ricercatori hanno riscontrato un’altezza complessiva inferiore rispetto all’altezza media di un gruppo corrispondente che assumeva meno cibo spazzatura.

Conseguentemente, i bambini in studio hanno riportato anche livelli inferiori di proteine, calcio, ferro, vitamina A e zinco.”Speriamo che questi risultati suonino l’allarme per i responsabili delle politiche: è necessario continuare la ricerca sul ruolo dei prodotti snack alimentari nella salute e nello sviluppo dei bambini vulnerabili dal punto di vista nutrizionale”, ha dichiarato la Dott.ssa Alissa Pries, del progetto Assessment and Research on Child Feeding. “I prodotti snack confezionati, tipicamente ricchi di zuccheri e sale e a basso contenuto di micronutrienti, sono sempre più disponibili in tutto il mondo. C’è già una crescente preoccupazione globale nella comunità sanitaria per il ruolo dei cibi spazzatura o degli alimenti ultra-elaborati nell’epidemia di obesità, ma per i bambini piccoli in contesti in cui l’accesso agli alimenti nutrienti è limitato, questo studio segnala che questi alimenti possono anche essere contribuire alla malnutrizione.”
Ad oggi, possiamo trovare snack confezionati, anche internazionali, sugli scaffali di tutti i market, anche nei contesti più remoti. Le famiglie prediligono questi prodotti perché sono convenienti, di facile reperibilità e perché sono i preferiti dai bambini di tutto il mondo.

Lo studio è stato osservativo, quindi non poteva dimostrare causa ed effetto, ma gli autori chiedono ulteriori ricerche sugli effetti potenzialmente dannosi dello sviluppo del cibo spazzatura sui bambini piccoli.

“Ci sono sempre più prove che i bambini stanno consumando prodotti snack malsani a un ritmo crescente,” ha affermato,”più attenzione e sforzi devono concentrarsi sull’aumento del consumo di alimenti ricchi di nutrienti disponibili localmente, e sullo sviluppo di strategie per limitare il consumo di snack non sani tra i bambini.”

B.F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *