#EBOLA – INIZIATA LA SPERIMENTAZIONE DI UN NUOVO VACCINO

KAMPALA (Uganda) – Un gruppo di ricercatori ha avviato in Uganda il più grande trial sperimentale mai condotto sul vaccino contro il virus Ebola.

La sperimentazione del vaccino – Ad26.ZEBOV, MVA-BN-Filo – é stata avviata nel distretto occidentale di Mbarara su un campione iniziale di 800 persone ed è supportata da Medici Senza Frontiere e dalla London School of Hygiene and Tropical Medicine.
Già oltre 180.000 persone nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), dove l’epidemia ha giá provocato piú di 1.800 decessi con una mortalitá del 67%, hanno ricevuto un altro vaccino sperimentale – rVSV-ZEBOV-GP – ma gli esperti sono ora preoccupati per la scarsa disponibilità di dosi dopo la diffusione dei casi nella città di Goma, lungo il confine con il Ruanda.
Per tale motivo, pochi giorni fa, il governo ruandese ha chiuso temporaneamente la frontiera con la RDC, suscitando vivaci proteste.

I risultati del precedente vaccino sono inoltre stati ampiamente oscurati dai grandi sforzi di contenimento del virus, a cui si sono aggiunti attacchi di ribelli e resistenza da parte di alcune comunità che non avevano mai sperimentato Ebola prima.
Il nuovo coordinatore della risposta all’Ebola in Congo, Jean-Jacques Muyembe, ha dichiarato che circa la metà dei casi non viene ancora rilevata e che a questo ritmo “l’epidemia potrebbe durare due o tre anni”.

L’obiettivo è rafforzare la sorveglianza e portare il tasso di diagnosi all’80%. L’attuale vaccino è già stato precedentemente testato su circa 6.000 persone, avendo mostrato dati promettenti negli studi sugli animali e preliminari.
Il nuovo processo dovrebbe durare fino a due anni e verificherà la protezione da Ebola a medio-lungo termine, mirando a stimolare una risposta immunitaria nell’ospite.

Il virus Ebola si diffonde rapidamente e puó essere fatale fino al 90% dei casi, diffondendosi spesso per stretto contatto con fluidi corporei di persone che manifestano sintomi e con oggetti contaminati.
Al momento non ci sono casi ufficiali segnalati al di fuori della RDC, ma le autoritá sanitarie di Burundi, Malawi e Mozambico, hanno giá dichiarato di aver giá rafforzato i controlli di frontiera per l’individuazione precoce di eventuali casi di contagio.

C. C.

https://www.who.int/csr/don/02-august-2019-ebola-drc/en/
https://www.enca.com/news/mozambique-sets-ebola-screening-malawi-border

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *