#ACQUA – SVEGLIA MONDO,SENZA ACQUA NON C’E’ VITA!

Ce lo insegnano da quando abbiamo capacità di comprensione: senza acqua, non c’è vita.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) insieme a UN-Water hanno lanciato oggi l’allarme per una necessità di investimenti in fonti d’acqua sicure e servizi igienico-sanitari adeguati.
La chiamata è arrivata dopo la pubblicazione di un rapporto redatto dall’OMS che rivela l’allarmante situazione che verte in sempre più paesi: sistemi governativi deboli, carenza di risorse economiche e umane e altri fattori improvvisi come cataclismi naturali, concorrono a gravare sull’accesso e sulla fornitura di acqua sicura e servizi igienico-sanitari.

Secondo OMS-UNICEF, 2.2 miliardi di persone non dispongono di fonti d’acqua sicure, 4.2 miliardi di persone non hanno accesso a strutture sanitarie adeguate e 3 miliardi non hanno la possibilità di lavarsi le mani o i piedi in modo adeguato e con impianti sicuri.

“Troppe persone non hanno accesso all’acqua potabile e ai servizi igienici anche solo semplicemente per lavarsi le mani, mettendole a rischio di infezioni mortali e minacciando i progressi nella salute pubblica”, afferma il Dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “I sistemi idrici e igienico-sanitari non solo migliorano la salute e salvano vite umane, sono una parte fondamentale della costruzione di società più stabili, sicure e prospere. “

La valutazione globale sull’impatto idrico e dei servizi igienico-sanitari delle Nazioni Unite – nota come relazione GLAAS – ha esaminato 115 paesi e territori, che coprono 4,5 miliardi di persone. L’analisi ha dimostrato che, nella maggioranza dei paesi, l’attuazione delle politiche e degli interventi relativi all’implementazione idrica e ai servizi igienico-sanitari è limitata da risorse umane e finanziarie inadeguate. Più di 19 paesi hanno segnalato un divario di finanziamento superiore al 60% tra esigenze identificate e finanziamenti disponibili. Meno del 15% dei paesi dispone delle risorse finanziarie o umane necessarie per attuare i propri piani di intervento.

“Se vogliamo creare una società più sana, più equa e stabile, fonti d’acqua sicure e servizi di igiene devono essere una priorità assoluta”, dichiara in modo deciso Gilbert F Houngbo, presidente di UN-Water e del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD).

“Gli obiettivi di sviluppo sostenibile ci hanno ispirato a intraprendere azioni concrete a livello nazionale per aumentare l’accesso ai servizi igienico-sanitari”, afferma David Molefha, principale ingegnere idrico presso il Ministero della gestione delle risorse idriche e igieniche in Botswana. “Abbiamo sviluppato un piano attuativo per i servizi igienico-sanitari, soprattutto al fine di eliminare le latrine e fognature aperte. Con queste azioni, stiamo concorrendo a migliorare la vita delle persone “.

B.F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *