#SALUTEGLOBALE: IMPARIAMO DAI TRAGUARDI E DALLE SCONFITTE DEL 2019, E POI RIPARTIAMO

Per comprendere dove incanalare gli sforzi futuri, con la volontà di promuovere la visione di una salute equa e giusta, in questo ultimo giorno dell’anno Saluteglobale.it fa il bilancio di ciò che è accaduto in salute globale nell’anno appena trascorso.

Per questo riprendiamo le parole del Dr. Tom Frieden, ex direttore del Center for Disease Control and Prevention (CDC) USA, che ha analizzato i fatti di salute globale del 2019.

Le buone notizie

• Gli acidi grassi trans prodotti durante la trasformazione degli alimenti, cioè non quelli presenti naturalmente e che sono quindi considerati una sostanza chimica artificiale presente nel cibo che mangiamo, sono la causa di circa 500.000 decessi correlati ogni anno. Quest’anno però, Thailandia, Unione Europea e Brasile hanno regolamentato la quantità limite di acidi grassi trans presenti in un alimento, stimando a quasi 3 miliardi il numero di persone che saranno protette.

• Nel 2019, molti paesi hanno approvato la tassa sullo zucchero, un passo importante per ridurre l’obesità gloable. Infatti, l’assunzione regolare di bevande e di cibi ad elevato contenuto di zuccheri aggiunti aumenta il rischio di sovrappeso, obesità, diabete di tipo 2, malattie cardiache. Il tasso di obesità è triplicato dal 1975, con oltre 1.9 miliardi di adulti (39%) in sovrappeso, di cui oltre 650 milioni (13%) obesi e 41 milioni di bambini sotto i 5 anni in sovrappeso o obesi.

• India, Cina, Etiopia, Bangladesh, Vietnam e le Americhe stanno implementando strategie e servizi per migliorare l’assistenza alle persone affette da ipertensione, che causa 10 milioni di decessi all’anno, più di tutte le malattie infettive messe insieme.

• L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha aggiunto alla lista di medicinali essenziali delle combinazioni di due farmaci antiipertensivi in un’unica pillola (lisinopril / amlodipina, lisinopril / idroclorotiazide, telmisartan / amlodipina e telmisartan / idroclorotiazide). Evidenze hanno dimostrato che questa soluzione aumenterà l’accesso, ridurrà i costi e migliorerà la qualità del trattamento per gli oltre 1 miliardo di persone ipertese in tutto il mondo.

Le brutte notizie

• Nonostante gli enormi traguardi raggiunti, non siamo ancora pronti per gestire un’epidemia. l’ebola ha ucciso oltre 2.000 persone nella Repubblica Democratica del Congo e continua a mietere vittime nonostante gli sforzi internazionali. Il morbillo uccide ancora più di 100.000 bambini all’anno e i casi sono aumentati del 17% a causa della disinformazione e la sfiducia verso i vaccini. Il continuo declino del tasso di infezione della malaria nelle ultime decadi è stato rassicurante e incoraggiante, ma ad oggi sta rallentando; sono necessari nuovi approcci ed energia per contrastare le oltre 400.000 morti annuali per malaria.

• Dopo cinque decenni di declino degli infarti e delle morti per ictus negli Stati Uniti, i progressi si sono arrestati. La maggior parte dei decessi causati da malattie cardiache sono prevenibili attraverso la prevenzione e il controllo dell’ipertensione e del diabete, una migliore alimentazione e una maggiore attività fisica. L’aumento della mortalità rispecchia l’aumento dell’obesità, l’accesso insufficiente al trattamento preventivo e l’epidemia di oppioidi in corso.

• L’utilizzo di sigarette elettroniche negli adolescenti statunitensi è salito del 78% rispetto l’anno scorso. Lo studio delle aumentate lesioni polmonari associate alle sigarette elettroniche mostra quanto sono pervasive. Le e-cigarette potrebbero essere uno strumento utile per alcuni adulti che cercano di smettere di fumare, ma solo se sostituiscono le sigarette. Per gli adolescenti possono iniziare a una dipendenza per tutta la vita.

• L’epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo ha messo in luce la violenza contro gli operatori sanitari. Centinaia di operatori sanitari in molti di paesi sono stati uccisi mentre prestavano assistenza medica. Il concetto fondamentale di neutralità dell’assistenza sanitaria – la non interferenza con i servizi medici durante i conflitti, un principio fondamentale delle Convenzioni di Ginevra – è andato perduto.

• I casi di poliomielite (poliovirus derivato da vaccino cVDPV ) sono quadruplicati rispetto allo scorso anno, con il Pakistan che è stato vittima di un significativo aumento dei casi. La polio era tra le malattie che avremmo potuto eradicare grazie a un progresso storico che ha richiesto decenni di cooperazione mondiale. Ma la violenza continua unita a un difficile accesso ai servizi di igiene e di assistenza di base e a programmi di vaccinazione che non sono gestiti in modo ottimale ci hanno allontanato dal traguardo.

• Il mondo non sta intraprendendo azioni sufficienti per contrastare l’emergenza climatica. Gli inquinanti microscopici nell’aria causano 7 milioni di decessi prematuri ogni anno da malattie come cancro, ictus, malattie cardiache e polmonari. Tra il 2030 e il 2050, si prevede che i cambiamenti climatici causeranno 250.000 decessi in più ogni anno, a causa di malnutrizione, malaria, diarrea e stress da calore. Inoltre, stiamo assistendo ad un significativo aumento delle morti per eventi meteorologici estremi e l’insidiosa incursione di malattie trasmesse da vettori, inclusa la malattia di Lyme e Dengue, in aree che fino a pochi anni fa ne erano indenni. 

Forse è stato un errore approfondire così poche notizie positive rispetto a quelle negative, ma la redazione di Saluteglobale.it crede che una migliore azione derivi dalla presa di consapevolezza dello stato di salute mondiale. Ognuno di noi ha il privilegio del potere della propria responsabilità.

“Non tutto è perduto. Ci sono leader carismatici, esperti tecnici e operatori sanitari in prima linea che stanno dimostrando nuove strategie per migliorare la salute, combattere contro l’inquinamento, educare ad un’alimentazione sana, prevenire e curare le epidemie. Possiamo imparare dai nostri successi e dai nostri fallimenti. Invece di scivolare indietro, possiamo agire in modo strategico e urgente, implementare ciò che funziona e rendere il prossimo decennio il più sano della storia umana.”

B.F.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *